Ospiti a profusione

A Zurigo, l’indirizzo di Rennweg 43 segna il luogo che per generazioni ha fatto brillare gli occhi dei bambini e materializzare i sogni di ragazzi e ragazze di ogni età. Nell’ex filiale di Bahnhofstrasse del negozio di giocattoli Franz Carl Weber è ora subentrata Audi per alcune settimane – questa volta per far brillare gli occhi degli automobilisti con la prima Audi e-tron completamente elettrica.

L’e-tron è tornata in Svizzera: nella scorsa primavera il suo prototipo aveva avuto la sua anteprima mondiale al Salone dell’automobile di Ginevra. Ora è il turno del modello di serie, e con che pompa! Dopo la presentazione a San Francisco il 17 settembre 2018, in data 11 ottobre, come debutto ufficiale in Svizzera, Audi ha presentato l’auto fatta e finita ai clienti che l’avevano prenotata.

Nel pop-up store allestito per l’occasione in Rennweg 43 sono due le auto che saranno ancora in vetrina fino al 20 ottobre, di cui una nell’esclusiva Launch Edition («Edition One») che in tutta la Svizzera verrà distribuita in soli 50 esemplari da consegnare prima di ogni altra variante. Le auto saranno visibili senza prenotazione fino al 20 ottobre (per gli orari di apertura vedasi più sotto) con l’ausilio di esperti Audi che illustreranno vantaggi e aspetti salienti dell’Audi e-tron a trazione puramente elettrica.

Le due Audi e-tron esposte sono dotate di specchietti retrovisori virtuali, pratici e importanti per l'aerodinamica. (Tom Lüthi)
Le due Audi e-tron esposte sono dotate di specchietti retrovisori virtuali, pratici e importanti per l'aerodinamica. (Tom Lüthi)

La serata della première è stata condotta dalla star televisiva Sven Epiney (46 anni), che ha intervistato Dieter Jermann (50), Brand Director di Audi, mostratosi orgoglioso ed entusiasta di questa «sensazionale auto» totalmente elettrica che è « Audi da cima a fondo e basta toccarla per rendersene conto». Jermann è particolarmente soddisfatto del sistema di boost e coglie l’occasione per anticipare un paio di dettagli: al più tardi agli inizi di dicembre, tutti potranno configurare online la propria e-tron. Egli considera la première svizzera «una giornata di grande rilievo che inaugura una nuova era».

Un’Audi e-tron da ammirare a Zurigo

Der Audi e-tron Pop-up Store am Rennweg 43 in Zürich. (Tom Lüthi)

L’Audi e-tron pop-up store in Rennweg 43 a Zurigo. (Tom Lüthi)

Svelata poco fa a San Francisco e ora già a Zurigo: ancor prima che ad inizio 2019 vengano avviate le consegne della nuovissima Audi e-tron, la versione di serie di questo SUV è pronta a stupire nel bel mezzo del centro storico zurighese. Alla première svizzera della prima Audi a trazione puramente elettrica può presenziare chiunque: l’Audi e-tron pop-up store situato in Rennweg 43, nei pressi della Bahnhofstrasse, sarà infatti accessibile al pubblico fino al 20 ottobre. E senza prenotazione: il pop-up store resterà aperto dalle ore 8 alle 20 anche per visitatori dell’ultimo minuto. Ecco le date:

Giovedì 11 ottobre, dalle ore 8 alle 17
Venerdì 12 ottobre, dalle ore 8 alle 20
Sabato 13 ottobre, dalle ore 8 alle 20
Lunedì 15 ottobre, dalle ore 8 alle 20
Martedì 16 ottobre, dalle ore 8 alle 17
Mercoledì 17 ottobre, dalle ore 8 alle 17
Giovedì 18 ottobre, dalle ore 8 alle 17
Venerdì 19 ottobre, dalle ore 8 alle 20
Sabato 20 ottobre, dalle ore 8 alle 20

Indirizzo: Audi e-tron pop-up store, Rennweg 43, 8001 Zurigo.

Caspar Coppetti, Sven Epiney e Dieter Jermann (da sx). (Tom Lüthi)
Caspar Coppetti, Sven Epiney e Dieter Jermann (da sx). (Tom Lüthi)

Ne ha parlato anche Caspar Coppetti (42), primo svizzero in assoluto a prenotare un’e-tron, (chi volesse prenotarne un esemplare, qui può farlo.). Già nel 2008 si era dichiarato convinto di aver acquistato l’ultima sua auto con motore a scoppio e che l’elettromobilità fosse finalmente diventata una realtà. «Grazie al motore elettrico, l’e-tron ha l’accelerazione di un’auto sportiva senza però la voracità di carburante di un’auto tradizionale. È un cambiamento che quindi non comporta alcuna rinuncia, ma solo del valore aggiunto», ha dichiarato Coppetti. «Mi hanno particolarmente colpito gli specchietti retrovisori, una vera bomba», ha poi aggiunto. Gli specchietti laterali virtuali, un accessorio opzionale le cui telecamere assicurano una retrovisione ottimale, hanno entusiasmato anche molti altri che a Zurigo l’hanno prenotata.

Le telecamere trasmettono la retrovisione a lato delle portiere. (Tom Lüthi)
Le telecamere trasmettono la retrovisione a lato delle portiere. (Tom Lüthi)

Gli specchietti sono frutto dell’inventiva del team di Jens van Eikels (47), responsabile della linea di modelli BEV di Audi. «La nostra équipe ha lavorato quattro anni su questa vettura. Ora che possiamo finalmente esibirla, ci rendiamo conto di quanto Audi piaccia alla gente», ha detto van Eikels. Ai prenotanti ha illustrato alcuni dettagli dell’auto, per esempio l’opzione di ricarica bilaterale, l’innovativo sistema a pompa di calore per una maggiore autonomia o il sistema di telecamere che può sostituire gli specchietti retrovisori laterali. «È un’auto ‘pensante’!»

Dieter Jermann, Jens van Eikels e Sven Epiney (da sx). Sullo sfondo: la versione di lancio dell'e-tron «Edition One». (Tom Lüthi)
Dieter Jermann, Jens van Eikels e Sven Epiney (da sx). Sullo sfondo: la versione di lancio dell'e-tron «Edition One». (Tom Lüthi)

All’avvio della linea e-tron, si è volutamente scelto di non operare una rivoluzione, ma «un’evoluzione», ha precisato van Eikels. «Ci si può divertire sui tornanti, ma anche percorrere lunghe distanze in totale comodità. È un’autovettura che offre tutto ciò che ci si aspetta da un’Audi, però a un livello superiore». I 5,7 secondi che l’e-tron impiega per accelerare da 0 a 100 km/h la pongono «quasi a livello di una SQ7»: «In effetti quest’auto è un affare», continua van Eikels: dotazioni opzionali solitamente costose come ad esempio le sospensioni pneumatiche sono già incluse nel modello base. «E di solito la climatizzazione azionabile a vettura ferma non è prevista», ha detto van Eikels. Ad esempio, trovandosi in spiaggia è possibile utilizzare un’app per raffreddare l’auto surriscaldata dal sole prima di entrarvi. Si prevede che il prezzo di listino della versione base sarà di CHF 89’900.-.

Morten Hannesbo, CEO di AMAG, a colloquio con Caspar Coppetti. (Tom Lüthi)
Morten Hannesbo, CEO di AMAG, a colloquio con Caspar Coppetti. (Tom Lüthi)

L’e-tron sta incontrando grande favore presso i prenotanti. Jorge Petitpierre (44), per esempio, è arrivato apposta da Ginevra per vedere il modello di serie. «Un paio d’anni fa ho visto lo studio dell’e-tron al Salone dell’auto e ne sono rimasto entusiasta, ma al Salone di questa primavera purtroppo non ho potuto vedere il prototipo», ha spiegato Petitpierre. «Ora sto vedendo per la prima volta l’auto finita e ne sono … elettrizzato.»

Jorge Petitpierre davanti al pop-up store di Zurigo. (Tom Lüthi)
Jorge Petitpierre davanti al pop-up store di Zurigo. (Tom Lüthi)

Anche «l’elettrico di prima linea» Stephan Baumgartner (44) si è familiarizzato con l’auto:

L'elettrotecnico Stephan Baumgartner. (Tom Lüthi)
L'elettrotecnico Stephan Baumgartner. (Tom Lüthi)

L’imprenditore nel ramo dello sci Thomas Koller di Engelberg (OW) si è recato anch’egli a Zurigo per farsi un’idea dell’e-tron. «Questo è il futuro», ha dichiarato. «L’auto mi piace ed è chiaro che è questa la strada su cui proseguire.»

e-tron News

Tecnica, società, mobilità: tenetevi aggiornati sui temi che muoveranno il nostro futuro.