L’auto dalla matrice

Audi ha presentato a Los Angeles il secondo modello della sua serie e-tron: l’Audi e-tron Sportback è un SUV coupé dinamico. I suoi proiettori a LED Matrix digitali sono una novità che ora è per la prima volta disponibile come equipaggiamento in una grande serie. La loro luce, scomposta in minuscoli pixel, può essere controllata con grande precisione.

L’Audi e-tron Sportback unisce la potenza di uno spazioso SUV all’eleganza di un coupé a quattro porte e al carattere innovativo di un’auto elettrica. Questo modello misura 4901 millimetri in lunghezza, 1935 millimetri in larghezza e 1616 millimetri in altezza. Il tetto, che si sviluppa su una linea piatta sopra la carrozzeria muscolosa, in pieno stile coupé si abbassa notevolmente verso il retro per sfociare in montanti D fortemente inclinati. Il bordo inferiore del terzo finestrino laterale risale verso la parte posteriore: una caratteristica tipica dei modelli Sportback.

L’Audi e-tron Sportback 55 quattro durante la presentazione a Los Angeles. (AUDI)
L’Audi e-tron Sportback 55 quattro durante la presentazione a Los Angeles. (AUDI)

Con la calandra single frame ottagonale, i profili pronunciati delle ruote e la parte posteriore dalla forma scultorea, l’Audi e-tron Sportback si inserisce perfettamente nel linguaggio stilistico del marchio. Diversi dettagli segnalano che il SUV coupé è dotato di trazione completamente elettrica. La calandra single frame, in buona parte chiusa, con le sue barre verticali è di colore grigio platino chiaro, un segno distintivo dei modelli e-tron.

Nella parte inferiore dei proiettori a LED Matrix, quattro segmenti orizzontali rappresentano la firma delle luci diurne caratteristiche dei modelli e-tron, che viene ripresa in molti punti della vettura e interpretata in modo tridimensionale, ad esempio sulle pronunciate minigonne laterali. I loro inserti neri indicano la posizione della batteria, nucleo energetico dell’Audi e-tron Sportback. Anche sull’ampio diffusore i designer riportano variazioni della firma, segnalando così l’assenza dei terminali di scarico. Una banda luminosa collega tra loro le luci a LED.

L’Audi e-tron Sportback nell’esclusivo colore Blu Plasma Metallizzato. (AUDI)

Per il SUV coupé a trazione esclusivamente elettrica sono disponibili 13 verniciature, fra cui il nuovo colore esclusivo per l’e-tron Sportback: il Blu Plasma Metallizzato. La scritta sullo sportello di ricarica ad apertura elettrica risplende nel vivace colore arancione alto voltaggio, disponibile su richiesta anche per le pinze dei freni. Di serie, le modanature passaruota sono evidenziate in colore antracite opaco che ne sottolinea il look offroad. Lo stesso vale per la protezione sottoscocca, il diffusore e le strisce battitacco, tutti elementi verniciati in nero. Nella linea per gli esterni advanced i componenti sono verniciati in colore grigio a contrasto o, come optional, in colore carrozzeria. La protezione sottoscocca e il diffusore sono in tonalità argento opaco.

L’Audi e-tron Sportback nell’esclusivo colore Blu Plasma Metallizzato. (AUDI)
L’Audi e-tron Sportback nell’esclusivo colore Blu Plasma Metallizzato. (AUDI)

Con il modello S line vengono messi particolarmente in risalto i geni sportivi dell’Audi e-tron Sportback. Di serie è equipaggiata con cerchi da 20″ e sospensioni pneumatiche sportive. I paraurti dai contorni decisi sono affiancati da incisive barriere d’aria che migliorano il flusso dell’aria e si estendono fin sotto i proiettori, creando un’immagine dinamica visibile anche da lontano. Un emblema S line orna la calandra, mentre i listelli sottoporta illuminati in alluminio recano un logo S. Sulla parte posteriore, gli spoiler di serie e un pronunciato diffusorie che occupa l’intera larghezza della vettura forniscono il proprio contributo all’eccellente aerodinamica. Al contrario della versione base, i componenti dell’equipaggiamento per esterni S line sono verniciati in colore carrozzeria, comprese le modanature passaruota, le strisce battitacco, i paraurti e gli specchietti retrovisivi esterni. A completamento Audi fornisce il pacchetto look nero che introduce tocchi di colore nero nell’area della calandra single frame, dei finestrini laterali e dei paraurti. Come optional sono disponibili anche le calotte degli specchietti retrovisivi esterni in nero.

I geni sportivi dell’Audi e-tron Sportback vengono messi particolarmente in risalto dal modello S line. (AUDI)
I geni sportivi dell’Audi e-tron Sportback vengono messi particolarmente in risalto dal modello S line. (AUDI)

Coefficiente di resistenza aerodinamica 0,25: il top dell’aerodinamica per un’autonomia elevata

In abbinamento all’equipaggiamento per esterni S line e agli specchietti retrovisivi esterni virtuali, l’Audi e-tron Sportback raggiunge un ottimo coefficiente di resistenza aerodinamica pari a 0,25 superando così anche la sorella Audi e-tron. Questo è dovuto soprattutto alla forma da coupé della carrozzeria e alla conseguente bassa resistenza al flusso dietro l’auto. L’alto bordo dal taglio netto della Sportback fa sì che in questa zona l’aria fluisca il più possibile senza vortici. Ciò favorisce anche il contenimento dei consumi. Nel ciclo WLTP il SUV coupé percorre fino a 446 chilometri con una ricarica della batteria. 10 chilometri dell’incremento di autonomia rispetto all’e-tron sono da ricondurre alla carrozzeria dall’aerodinamica più vantaggiosa. Un altro fattore di efficienza è dato dagli specchietti retrovisivi esterni virtuali, disponibili come optional, che integrano piccole telecamere nei loro supporti a forma di ali. Le immagini registrate vengono visualizzate sui display OLED a elevato contrasto, situati nello spazio tra cruscotto e porta. Quando il conducente muove il dito sulla superficie del display touch appaiono dei simboli con i quali può spostare il segmento dell’immagine. Inoltre, gli specchietti si adattano automaticamente a tre situazioni di guida: forniscono la vista di volta in volta ottimale in autostrada, in curva e durante i parcheggi. Le raffinatezze aerodinamiche si estendono anche agli elementi nascosti, che includono, fra gli altri, anche la presa d’aria di raffreddamento regolabile con canali per il raffreddamento dei freni anteriori, i cerchi aerodinamici e il sottoscocca completamente rivestito con piastra in alluminio per la protezione della batteria ad alto voltaggio.

L’Audi e-tron Sportback è ancora più aerodinamica della sorella Audi e-tron. (AUDI)
L’Audi e-tron Sportback è ancora più aerodinamica della sorella Audi e-tron. (AUDI)

Innovazione mondiale in grande serie: i proiettori a LED Matrix digitali

Con i proiettori a LED Matrix digitali come equipaggiamento massimo, Audi presenta una novità mondiale in grande serie: scomposta in minuscoli pixel, la loro luce è in grado di illuminare la strada ad alta definizione. Sono basati su una tecnologia abbreviata in DMD (Digital Micromirror Device), impiegata anche in numerosi proiettori video. Il suo cuore è un piccolo chip con circa un milione di microspecchi che presentano bordi lunghi appena alcuni centesimi di millimetro. Per mezzo di campi elettrostatici è possibile inclinare ognuno di essi fino a 5000 volte al secondo. In base alla posizione, la luce LED può così giungere sulla strada attraverso le lenti oppure essere catturata da un assorbitore per produrre l’effetto dell’abbassamento degli abbaglianti.

I proiettori a LED Matrix digitali dell’Audi e-tron Sportback. (AUDI)
I proiettori a LED Matrix digitali dell’Audi e-tron Sportback. (AUDI)

Nell’Audi e-tron Sportback la luce digitale, che a metà del 2020 amplierà l’offerta, si farà carico di diversi compiti, e potrà quindi generare dinamiche animazioni coming e leaving home che appariranno come proiezioni su una parete o sul pavimento. Con questa scenografia, lo spazio davanti all’auto diventa un palcoscenico illuminato. La luce digitale è in grado di rappresentare con estrema precisione le luci in curva, in città e in autostrada in termini di effetti degli anabbaglianti e far sì che l’abbassamento degli abbaglianti risulti ancora più preciso per gli altri utenti del traffico. Ma offre in particolare nuovissime funzioni, come la luce di orientamento e da corsia. Sulle superstrade la luce da corsia produce un tappeto di luce che illumina perfettamente la propria corsia e si adegua dinamicamente al cambio di corsia. Questo fa aumentare l’attenzione del conducente verso la corsia giusta, contribuendo alla sicurezza stradale. Inoltre, la luce di orientamento visualizza in modo previdente, con tracciati scuri poco illuminati, la posizione del veicolo sulla corsia e aiuta così, in particolare su strade strette e nei cantieri, a rimanere in modo sicuro al centro della corsia. In abbinamento all’assistente di visione notturna (optional) viene utilizzata anche la luce di demarcazione. Se il sistema riconosce un pedone, la luce lo indica, riducendo così il rischio di non vedere dei passanti in prossimità della carreggiata.

I proiettori digitali dell’Audi e-tron Sportback sono in grado di controllare la luce con una precisione al pixel. (AUDI)
I proiettori digitali dell’Audi e-tron Sportback sono in grado di controllare la luce con una precisione al pixel. (AUDI)

Efficienza sportiva: motori elettrici, trazione integrale elettrica, assetto

Nell’Audi e-tron Sportback 55 quattro il conducente sperimenta l’interazione tra efficienza, performance e massima silenziosità. Su ogni asse si trova un motore elettrico asincrono che è alimentato con corrente trifase dall’elettronica di potenza. Con una potenza di 265 chilowatt e una coppia di 561 newton per metro (consumo di corrente combinato in kWh/100 km: 26,0–21,9 (WLTP); 22,7–20,6 (NEDC); emissioni di CO2 combinate in g/km: 0) i due motori elettrici di serie alimentano vigorosamente il SUV coupé con emissioni zero a livello locale e in modo quasi del tutto silenzioso. L’Audi e-tron Sportback 55 quattro accelera da 0 a 100 km/h in 6,6 secondi, a 200 km/h (consumo di corrente combinato in kWh/100 km di 26,0–21,9 (WLTP); 22,7–20,6 (NEDC); emissioni di CO2 combinate in g/km: 0) la propulsione viene regolata elettronicamente. Quando il conducente passa dalla marcia D alla S e preme fino in fondo l’acceleratore, attiva la modalità boost, nella quale la trazione produce per 8 secondi una potenza di 300 chilowatt e una coppia di 664 newton per metro. Il SUV coupé scatta da 0 a 100 km/h in 5,7 secondi. I rotismi epicicloidali a due rapporti di trasmissione con una marcia trasmettono la coppia dei motori elettrici agli assi. Per selezionare la marcia si usa un interruttore che il conducente può spingere con il pollice e l’indice ed è incorporato in un’elegante leva che, posizionata in basso sopra il tunnel centrale, funge da appoggio per la mano.

Rimanete sintonizzati! Il futuro è elettrico. Ed elettrizzante. Che cos’è che ci muove? Dove ci porta il viaggio? Come cambieranno la vita, la tecnologia e la società? L’e-hub vi tiene aggiornati. Perfettamente su misura per voi, anche tramite e-mail: abbonatevi ora alla vostra newsletter preferita. Restate informati.

La propulsione integrale elettrica assicura una trazione e una dinamica eccellenti sui terreni più disparati, consentendo ad Audi di scrivere un nuovo capitolo nella storia della trazione quattro. Regola la distribuzione ideale delle coppie motrici tra i due assi, in modo permanente e completamente variabile entro frazioni di secondo. Nella maggior parte delle situazioni di guida l’Audi e-tron Sportback utilizza esclusivamente il motore elettrico posteriore, il che è particolarmente efficiente. Quando il conducente richiede una potenza maggiore di quella che questo è in grado di fornire, in un istante viene attivato il motore anteriore. Ciò accade anche in modo previdente prima che si presentino slittamento o sovrasterzatura o sottosterzatura in caso di ghiaccio o guida veloce in curva.

Un fattore chiave per il carattere sportivo e il dinamismo trasversale straordinario è la posizione di montaggio bassa dei componenti di trazione: il baricentro è molto più basso rispetto a quello di un convenzionale SUV. Tutti i componenti importanti sono concentrati al centro della vettura. La distribuzione del carico sugli assi è perfettamente equilibrata con un rapporto di 50 : 50 circa, il comportamento autosterzante è neutro. Con componenti come le sospensioni a cinque bracci, lo sterzo progressivo e il sistema di frenata elettroidraulico, l’assetto riunisce le tecnologie più moderne che nell’insieme assicurano un’agile tenuta di strada e un comfort elevato. I pneumatici di serie 255/55 R19 si distinguono per la resistenza al rotolamento particolarmente bassa. A partire dalla metà del 2020, su richiesta saranno ordinabili cerchi fino a 22″, ossia di una dimensione più grande rispetto a quella dell’e-tron.

L’Audi e-tron Sportback sarà opzionalmente disponibile perfino con cerchi da 22″. (AUDI)
L’Audi e-tron Sportback sarà opzionalmente disponibile perfino con cerchi da 22″. (AUDI)

Un fattore chiave per il carattere sportivo e il dinamismo trasversale straordinario è la posizione di montaggio bassa dei componenti di trazione: il baricentro è molto più basso rispetto a quello di un convenzionale SUV. Tutti i componenti importanti sono concentrati al centro della vettura. La distribuzione del carico sugli assi è perfettamente equilibrata con un rapporto di 50 : 50 circa, il comportamento autosterzante è neutro. Con componenti come le sospensioni a cinque bracci, lo sterzo progressivo e il sistema di frenata elettroidraulico, l’assetto riunisce le tecnologie più moderne che nell’insieme assicurano un’agile tenuta di strada e un comfort elevato. I pneumatici di serie 255/55 R19 si distinguono per la resistenza al rotolamento particolarmente bassa. A partire dalla metà del 2020, su richiesta saranno ordinabili cerchi fino a 22″, ossia di una dimensione più grande rispetto a quella dell’e-tron.

95 chilowattore di energia: sistema di batteria ad alto voltaggio e recupero

Il sistema di batteria dell’Audi e-tron Sportback 55 quattro accumula 95 chilowattore lorde di energia (86,5 chilowattore nette) e ha una tensione nominale di 396 volt. Consiste in un blocco piatto e largo situato sotto l’abitacolo, al quale è avvitato in 35 punti. Il sistema di batteria è estremamente rigido e resistente alle collisioni, grazie a un massiccio telaio di protezione e a un composto di alluminio che ospita 36 moduli celle, disposte su due livelli, uno inferiore lungo denominato «Floor» che contiene 31 moduli e uno superiore corto con cinque moduli. Ogni modulo integra dodici cosiddette celle a sacchetto (pouch). Il sistema di raffreddamento si trova sotto la zona delle celle.

In caso di decelerazioni fino a 0,3 g, che nell’uso quotidiano rappresentano oltre il 90 percento dei casi, la batteria ad alto voltaggio viene ricaricata dai motori elettrici, preferibilmente da quello posteriore, che in tali situazioni funge da generatore. Il recupero dell’energia tra i due motori elettrici è regolato in modo variabile, sia in fase di spinta quando il conducente rilascia il pedale di destra, sia in fase di frenata. Il grado di recupero dell’energia in fase di spinta può essere selezionato fra tre livelli mediante le levette sul volante ed è molto più elevato rispetto a quello dell’e-tron.

In fase di frenata l’Audi e-tron Sportback può recuperare fino al 70 percento della potenza motrice. (AUDI)
In fase di frenata l’Audi e-tron Sportback può recuperare fino al 70 percento della potenza motrice. (AUDI)

In caso di frenata a una velocità di 100 km/h, l’Audi e-tron Sportback è in grado di recuperare un massimo di 300 newton per metro e 220 chilowatt che, come per la sorella, sono più del 70 percento della potenza motrice e più di qualsiasi altro modello di serie. Complessivamente il SUV coupé ottiene dal recupero fino al 30 percento della sua autonomia.

Solo a partire da una decelerazione superiore a 0,3 g entrano in gioco anche i freni delle ruote che, grazie all’innovativo sistema di azionamento elettroidraulico, reagiscono in modo molto veloce. A seconda della situazione di guida, il sistema di regolazione decide se il SUV coupé recupera con i motori elettrici, con il solo freno sulla ruota o con una combinazione di entrambi: e ciò accade su ciascun singolo asse. La transizione tra frenata elettrica e idraulica è morbida e omogenea ed avviene in modo impercettibile per il conducente. Le forze frenanti rimangono costanti.

Sui freni delle ruote dell’Audi e-tron Sportback gli sviluppatori hanno ridotto notevolmente la cosiddetta coppia frenante residua, vale a dire le perdite che si generano attraverso la breve aderenza delle pastiglie ai dischi. Di questa evoluzione beneficiano l’efficienza e l’autonomia. Lo stesso vale per tre altri interventi effettuati: in condizioni di guida normale, il motore elettrico anteriore viene quasi completamente disaccoppiato dalla trazione. Il range utilizzabile della batteria ad alto voltaggio è diventato più grande e nel circuito del fluido refrigerante sono stati ridotti alcuni flussi volumetrici, così che la pompa necessita di meno potenza.

La gestione termica estremamente flessibile, composta da quattro circuiti separati, regola la temperatura dei componenti ad alto voltaggio con la massima efficienza. Questo consente una rapida ricarica con corrente continua, una lunga durata della batteria e prestazioni di guida riproducibili anche in presenza di carichi di lavoro pesanti. La pompa di calore di serie, che utilizza il calore rilasciato dalla batteria ad alto voltaggio, può impiegare fino a 3 chilowatt dell’effettiva perdita di potenza per il riscaldamento e la climatizzazione degli interni, il che è molto efficiente. A seconda della temperatura esterna, nell’uso da parte del cliente l’Audi e-tron Sportback incrementa l’autonomia fino al 10 percento.

230 chilowatt di potenza: l’Audi e-tron Sportback 50 quattro

In occasione del lancio sul mercato, Audi propone il SUV coupé a trazione esclusivamente elettrica con una seconda motorizzazione. L’e-tron Sportback 50 quattro sviluppa una potenza di 230 chilowatt e una coppia di 540 newton per metro (consumo di corrente combinato in kWh/100 km: 26,3–21,6 (WLTP); 23,9–21,4 (NEDC); emissioni di CO2 combinate in g/km: 0). La batteria fa a meno del «Floor» superiore, ognuno dei suoi 27 moduli è composto da dodici celle prismatiche. Il sistema, che pesa circa 120 chilogrammi in meno rispetto alla batteria della Sportback 55 quattro, fornisce 71 chilowattore lorde di energia (64,7 chilowattore nette) e nel ciclo WLTP consente al SUV coupé di percorrere fino a 347 chilometri con una ricarica completa. L’Audi e-tron Sportback 50 quattro accelera da 0 a 100 km/h in 6,8 secondi e arriva fino a 190 km/h (consumo di corrente combinato in kWh/100 km di 26,3–21,6 (WLTP); 23,9–21,4 (NEDC); emissioni di CO2 combinate in g/km: 0).

Si prosegue il viaggio dopo soli 30 minuti: l’offerta di ricarica

Nei lunghi tragitti l’Audi e-tron Sportback 55 quattro può ricaricarsi fino a 150 chilowatt con corrente continua (CC) presso le colonnine per la ricarica rapida. In una mezz’ora scarsa, la batteria raggiunge l’80 percento della sua capacità, sufficiente per la successiva tappa del viaggio. L’e-tron Sportback 50 quattro si ricarica fino a 120 chilowatt e nello stesso intervallo di tempo raggiunge l’identico livello di carica.

La ricarica presso le colonnine pubbliche a corrente alternata (CA) viene effettuata tramite un cavo modalità 3 fornito di serie. In tal caso la potenza arriva fino a 11 chilowatt e, con un secondo caricatore opzionale in auto, che sarà disponibile nell’estate del 2020, aumenterà a 22 chilowatt. Il servizio di ricarica di proprietà di Audi, l’e-tron Charging Service, garantisce un facile accesso a quasi 120 000 punti di ricarica pubblici in 21 paesi europei, e la tendenza è in aumento. Per la ricarica CA o CC, con 11 o 150 chilowatt, una carta è sufficiente per iniziare la ricarica. Con la funzione Plug & Charge, anche questa disponibile a 2020 inoltrato, la procedura diventa ancora più pratica: l’auto si autorizza da sola e si allaccia alla colonnina.

Audi offre diverse soluzioni anche per la ricarica nel garage di casa, che si differenziano in base alla potenza della rete domestica. Il sistema di ricarica compatto disponibile di serie è idoneo per un semplice allacciamento da 230 volt e per una presa trifase da 400 volt con una potenza di 11 chilowatt. A partire dalla metà del 2020 sarà disponibile come optional il sistema di ricarica connect che offre funzioni intelligenti, come la ricarica preferenziale nelle fasce orarie più convenienti. Mediante la combinazione con un sistema di gestione dell’energia domestica, la vettura può essere ricaricata in via preferenziale anche con energia solare autoprodotta, se l’abitazione dispone di un impianto fotovoltaico.

Forme e funzionalità in perfetta armonia: gli interni

Con un passo di 2928 millimetri, l’Audi e-tron Sportback offre molto spazio per cinque persone più bagaglio. Sui sedili posteriori, lo spazio per la testa è inferiore di soli 20 millimetri rispetto a quello dell’Audi e-tron, mentre lo spazio per i piedi è quasi del tutto piano: vi è solo un gradino piatto al posto del tunnel centrale. Compreso il portabagagli da 60 litri sotto il portellone anteriore, nel quale sono alloggiati gli attrezzi di bordo e i cavi di ricarica, il volume di carico è di 615 litri. Ribaltando gli schienali, lo spazio di carico aumenta fino a 1655 litri. Il portellone posteriore si apre e si chiude elettricamente, su richiesta anche con un movimento del piede.

Gli interni dell’Audi e-tron Sportback sono un’elegante lounge, in cui il design e la tecnologia si fondono in una sola unità. Un grande arco, che si sviluppa da porta a porta sopra il quadro strumenti, congiunge armoniosamente la copertura dell’Audi virtual cockpit. Il suo sottile display è visivamente libero nello spazio. Il wrap-around integra nei rivestimenti delle portiere anche gli schermi degli specchietti retrovisivi esterni virtuali, disponibili come optional. Con i suoi due display touch, il quadro strumenti è inclinato verso il conducente e quindi particolarmente ergonomico. Quello superiore, quando è disattivato, risulta quasi invisibile nella grande mascherina di colore nero lucido. Le pareti laterali aperte sulla console del tunnel centrale accentuano l’impressione di leggerezza.

Oltre alla linea di equipaggiamento base sono disponibili gli interni design selection e gli interni S line e in ognuna di queste l’Audi e-tron Sportback vanta materiali di rivestimento, colori e inserti decorativi fra loro coordinati. Per i sedili anteriori i clienti possono scegliere fra la versione di serie, i sedili sportivi, i sedili sportivi S e i sedili con profilo personalizzato, su richiesta con ventilazione e massaggio. Il design delle cuciture richiama i conduttori elettrici, su richiesta si possono avere cuciture in contrasto e filettature in un brillante arancione. Piccoli dettagli scenografici di grande effetto: il pacchetto contorni e d’illuminazione opzionale illumina le superfici in modo diffuso e i bordi in maniera decisa, all’avvio del motore viene riprodotto sull’impianto audio un breve jingle di saluto.

Quando l’Audi e-tron Sportback viaggia in città, all’interno regna il quasi totale silenzio, grazie a sofisticati accorgimenti in fatto di isolamento e aeroacustica. L’hi-fi è un piacere ancora più grande soprattutto se a bordo è presente il sistema audio premium Bang & Olufsen con suono tridimensionale che fa risuonare la musica così come è stata registrata, senza effetti artificiali. Un altro interessante modulo di infotainment è l’Audi phone box che definisce nuovi standard in fatto di telefonia, sia per quanto riguarda la qualità di connessione e del suono che per la ricarica senza contatto.

Sensibile e comprensivo: il sistema di comando

Come tutti i modelli Audi di categoria superiore, anche l’e-tron Sportback possiede il sistema di comando MMI touch response con due display. Quando il dito attiva una funzione, seguono un segnale tattile e uno acustico come conferma. Sul touch screen superiore con diagonale da 12,1 pollici, il conducente comanda l’infotainment, la telefonia, la navigazione e impostazioni specifiche dell’e-tron. Il display inferiore, che misura 8,6 pollici, è dedicato alle immissioni di testi nonché al comando delle funzioni comfort e del climatizzatore. La struttura del menu è intuitivamente logica e piatta come quella di uno smartphone, la grafica è chiara e sobria.

Nell’Audi e-tron Sportback è di serie anche l’Audi virtual cockpit da 12,3 pollici. Il suo display si distingue per la definizione molto elevata di 1.920 × 720 pixel e consente di selezionare due visualizzazioni diverse tramite i tasti VIEW sul volante. Come optional è disponibile una versione «plus» con una visualizzazione supplementare incentrata sul powermeter. Su richiesta, il sistema di visualizzazione e comando può essere integrato da un display head-up che proietta le informazioni principali sul parabrezza.

Oltre a impartire i comandi tramite i due display touch, il conducente può attivare numerose funzioni usando comandi vocali naturali. Il sistema comprende comandi e ricerche liberamente formulati. All’occorrenza l’interfaccia di dialogo pone domande, consente correzioni, offre possibilità di scelta e accetta anche di essere interrotta mentre sta parlando. A tale scopo si avvale sia di informazioni disponibili a bordo che di conoscenze acquisite dal cloud.

Connettività al top: navigazione e Audi connect

In Germania l’Audi e-tron Sportback è equipaggiata di serie con il sistema di navigazione MMI plus e la radio digitale DAB+. Il sistema di infotainment d’alta gamma supporta il veloce standard di trasmissione dati LTE advanced e integra un hotspot wi-fi per i dispositivi mobili dei passeggeri. La navigazione suggerisce proposte di destinazioni intelligenti sulla base degli itinerari percorsi in precedenza. Il calcolo del percorso viene effettuato sia a bordo dell’auto che online sui server dei servizi di navigazione e mappe HERE, che considerano la situazione del traffico dell’intera regione.

L’ampia scelta di sistemi di navigazione e infotainment di Audi assiste la guida in modo ottimale. Fra gli elementi di spicco vi sono le informazioni sul traffico online, la navigazione con Google Earth, la pianificazione dei viaggi e-tron, la radio ibrida e i servizi Car-to-X. I più recenti fra questi sono il servizio On-Street Parking, che aiuta nella ricerca di parcheggi a bordo strada, e il servizio di informazioni sui semafori. Quest’ultimo in alcune città collega l’auto con il sistema centrale che gestisce i semafori, presentando al conducente le informazioni sull’Audi virtual cockpit. In questo modo il servizio contribuisce a una guida efficiente, favorendo così un costante scorrimento del traffico.

Un’altra componente importante di questo pacchetto è anche Alexa, il comando vocale basato su cloud di Amazon e completamente integrato nel sistema di comando MMI dell’Audi e-tron Sportback. Il conducente può così effettuare, fra le altre cose, anche ordinazioni e ricevere informazioni aggiornate su tanti eventi. Il servizio offre accesso a più di 80 000 skill Alexa.

Inoltre, l’app myAudi gratuita collega l’auto allo smartphone e consente al proprietario dell’Audi e-tron Sportback di gestire a distanza tutte le procedure di ricarica. Può inoltre interrogare lo stato della batteria e dell’autonomia, avviare una ricarica, programmare il timer e visualizzare le statistiche di guida. Nei lunghi tragitti la pianificazione dei viaggi e-tron mostra le pause di ricarica necessarie sul percorso, sia nell’app che nel sistema MMI, aggiornando costantemente la pianificazione delle ricariche in base alla situazione del traffico e allo stile di guida. Un’altra funzione dell’app myAudi è la preclimatizzazione prima della partenza, che viene realizzata tramite corrente della presa elettrica. Con la climatizzazione Comfort a vettura ferma, il cliente può definire in modo specifico e a seconda dell’equipaggiamento se riscaldare gli interni, il volante e i sedili.

L’interconnessione intelligente include, oltre all’app myAudi, anche la chiave digitale Audi connect che, disponibile come optional, oltre ad aprire e chiudere il SUV coupé, autorizza anche ad avviare il motore con il tasto start/stop tramite uno smartphone Android.

Personalizzazione dopo l’acquisto: function on demand

L’Audi e-tron Sportback è una protagonista dei nuovi servizi digitali e dei campi di attività che si dischiudono per il marchio. Uno di questi è l’offerta di «function on demand», che comprende funzioni in ambito di luci, sistemi di assistenza e infotainment. Il cliente può acquistarle online, secondo necessità e in qualunque momento, così può sempre personalizzare l’auto anche dopo la consegna e adeguarla alle proprie esigenze individuali. Ogni funzione può essere acquistata per periodi diversi: un mese, un anno o in via definitiva. L’ordine viene effettuato mediante l’app myAudi o il portale online myAudi, il pagamento è comodo e sicuro tramite AudiPay.

Con il pacchetto luci il cliente può passare dai proiettori a LED ai proiettori a LED Matrix con abbaglianti intelligenti. Inoltre, ha a disposizione ulteriori funzioni come le luci diurne con firma e-tron e gli indicatori di direzione dinamici anteriori e posteriori. All’apertura e alla chiusura dell’e-tron Sportback, i proiettori e le luci posteriori creano giochi luminosi che rendono il SUV elettrico ancora più suggestivo. Come ulteriore opzione ordinabile per i sistema di assistenza è disponibile inizialmente l’assistente parcheggio automatico. Il pacchetto infotainment comprende l’Audi smartphone interface e il pacchetto navigazione e infotainment Audi connect.

Sicuri in città e nei lunghi tragitti: i sistemi di assistenza alla guida

I sistemi di assistenza alla guida che Audi offre nell’e-tron Sportback supportano il conducente in molte situazioni e lo agevolano con diversi compiti. I sistemi di sicurezza Audi pre sense basic e Audi pre sense front sono di serie. Audi propone il pacchetto assistenza Città dedicato al traffico urbano, che include l’assistente agli incroci, l’assistente per traffico trasversale posteriore, l’avvertimento di cambio corsia e l’avvertimento per scendere. Con la combinazione di Audi pre sense front, rear e side, è compreso l’Audi pre sense a 360° che riconosce i pericoli di collisione e attiva misure di protezione mirate, che spaziano dalla frenata d’emergenza fino alla tensione delle cinture di sicurezza.

Gli highlight del pacchetto assistenza Tour sono l’assistente di guida adattivo, che semplifica la guida longitudinale e trasversale in tutti gli intervalli di velocità, e l’assistente predittivo di efficienza. Quest’ultimo segnala al conducente quando è opportuno togliere il piede dall’acceleratore e a tale scopo utilizza i dati dei sensori di bordo, del sistema di navigazione e dei servizi Car-to-X. In sinergia con gli assistenti di guida adattivi e il rilevamento della segnaletica stradale, l’assistente di efficienza è inoltre in grado di rallentare e accelerare il SUV coupé in maniera predittiva. L’assistente di svolta, l’assistente per manovre di scansamento e l’assistente di emergenza completano il pacchetto Tour. Come singoli optional Audi fornisce fra gli altri l’assistente parcheggio automatico, l’assistente di visione notturna e le telecamere perimetrali per le quali il conducente può scegliere diverse prospettive.

I sistemi di assistenza alla guida dell’Audi e-tron Sportback sono basati sul dispositivo di controllo centrale dell’assistenza alla guida (zFAS) disponibile di serie, che calcola costantemente un’immagine differenziata dell’ambiente circostante. I dati necessari a questo calcolo vengono forniti – a seconda dell’equipaggiamento – da un massimo di cinque sensori radar, cinque telecamere e dodici sensori a ultrasuoni.

In occasione dell’introduzione sul mercato: l’edizione speciale Edition One

Nell’edizione speciale Edition One il nome del modello viene proiettato con una scritta sul suolo. (AUDI)
Nell’edizione speciale Edition One il nome del modello viene proiettato con una scritta sul suolo. (AUDI)

L’Audi e-tron Sportback, prodotta nello stabilimento di Bruxelles a zero emissioni di CO2, verrà lanciata sul mercato europeo nella primavera del 2020. In Germania l’e-tron Sportback sarà disponibile in due varianti di potenza, il prezzo base parte da 71 350 euro. In occasione del lancio Audi propone l’edizione speciale limitata Edition One nella verniciatura Blu Plasma che si basa sull’equipaggiamento per esterni S line e comprende anche specchietti retrovisivi esterni virtuali, componenti in look alluminio, esclusivi cerchi da 21″, pinze dei freni arancioni e tetto panoramico in vetro. L’illuminazione d’accesso nelle portiere anteriori proietta il nome del modello Edition One con una scritta sul suolo. Per gli interni si può scegliere fra gli interni design selection, completati da sedili con profilo personalizzato con esclusivi rivestimenti grigio monaco in pelle Valcona, e gli interni S line con sedili sportivi, sempre in pelle Valcona. L’equipaggiamento comprende inoltre il sistema audio premium Bang & Olufsen con suono tridimensionale, il pacchetto assistenza Tour e proiettori a LED Matrix con lampeggiatori dinamici anteriori/posteriori e scenografie luminose dinamiche.

e-tron News

Tecnica, società, mobilità: tenetevi aggiornati sui temi che muoveranno il nostro futuro.