«Ridefiniamo l’avanguardia»

Hildegard Wortmann è responsabile Vendite e Marketing presso Audi. Un colloquio su società, economia e tecnologia.

L’industria automobilistica sta cambiando radicalmente. Nuovi concetti di mobilità, nuovi paradigmi di azione e un nuovo rapporto con il traffico individuale stanno trasformando il settore. La digitalizzazione né è sia causa sia via d’uscita. Anche per Audi. Qui, alla metà dell’anno, Hildegard Wortmann ha assunto le redini del reparto Vendite e Marketing. È la prima donna a entrare nella direzione, proviene dalla concorrenza e si trova di fronte al compito di entusiasmare la generazione digitale.

Signora Wortmann, Lei ha iniziato il Suo lavoro presso Audi nel mese di luglio. Si percepisce ancora oggi il «Vorsprung durch Technik», quando lo si incontra venendo da fuori?

Assolutamente sì. Sono ancora letteralmente travolta dal bruciante spirito di squadra che anima il marchio con i quattro anelli e che ha l’assoluta volontà di portarlo avanti. Attualmente, insieme stiamo ridefinendo ciò che significa per noi «Vorsprung durch Technik», spostandoci da ciò che è in linea di massima tecnicamente possibile a un concetto di avanguardia che ponga al centro il cliente. È un approccio completamente nuovo: outside-in! Intendiamo fornire proprio le innovazioni, i servizi e le esperienze che il cliente vuole davvero, che gli apportano un valore aggiunto e lo entusiasmano.

Quale vantaggio Le porta la digitalizzazione nella vita professionale quotidiana?

Quanto tempo abbiamo? È un campo incredibilmente vasto. Tool digitali e data analytics ci aiutano tra l’altro ad anticipare i desideri dei nostri clienti nel miglior modo possibile. Ma anche in fatto di comunicazione ne risultano tante nuove opportunità. Quale strumento di interconnessione in rete e fonte di ispirazione, ad esempio, utilizzo attivamente LinkedIn come canale verso il pubblico e tutti i miei collaboratori in tutto il mondo. Il feedback diretto e aperto che ricevo è per me uno strumento eccellente per misurare il polso della mia attività lavorativa.

Dove rimane analogica?

Sono una fan dell’handshake management. Guardarsi negli occhi e parlare insieme di persona è qualcosa di insostituibile. Pertanto mi prendo molto tempo per lo scambio diretto con i collaboratori, i business partner, i nostri partner commerciali o gli ispiratori esterni. Come nuova entrata in Audi ho iniziato un cosiddetto LLX Tour – sta per Listen, Learn, Exchange – per discutere con collaboratori, colleghi e partner Audi in Germania e sui principali mercati esteri. Queste impressioni e il feedback diretto e sincero sono molto preziosi.

Dopo avere terminato gli studi universitari di economia aziendale, nel 1990 Hildegard Wortmann ha iniziato la propria carriera presso Unilever.

Nata a Münster (D), parallelamente al suo percorso professionale ha ottenuto un Master of Business Administration a Londra.

Nel 1998 è passata a BMW Group. Con la realizzazione del marchio di vetture elettriche BMW i, Hildegard Wortmann ha dettato nuovi standard nel settore dell’elettromobilità. Oltre a essere stata product manager a livello globale, nel 2016 ha assunto la direzione del marchio BMW.

Dal gennaio 2018 è stata responsabile della distribuzione per la regione Asia-Pacifico con sede a Singapore. Dal 1° luglio 2019 Hildegard Wortmann è membro della direzione di AUDI AG per il reparto Vendite e Marketing.

In che modo la digitalizzazione sta cambiando l’industria automobilistica?

Non per nulla stiamo parlando della più grande trasformazione mai vissuta dal settore. Essa influenzerà notevolmente gli use case centrali nel settore automobilistico e lo sta già facendo oggi: come arrivo a un’auto? Come l’acquisto o la prendo in leasing? Come utilizzo la mia auto, come accedo alla mobilità da A a B? La user experience per tutte e tre le fasi deve essere il più possibile intuitiva e configurata con un valore aggiunto concretamente percepibile da clienti e utenti. Può includere il semplice accesso a tutti i touchpoint dallo smartphone al PC fino all’auto, ma anche offerte completamente nuove e l’integrazione di terzi nell’ecosistema di Audi. Consideri solo il tema dell’e-commerce: questo cambierà completamente la procedura d’acquisto. Oppure il tema functions on demand: qui portiamo per la prima volta sull’auto, e quindi al cliente, il modello di business che conosce dallo smartphone.

Lei afferma che il settore automobilistico è di fronte a grandi svolte – o che le sta già affrontando. Dove si trova Audi?

Con la nostra roadmap verso l’elettrificazione abbiamo descritto in modo chiaro il percorso verso il futuro: nel 2025 il portafoglio di Audi includerà già più di 30 modelli con trazione elettrica, tra cui 20 puramente elettrici. E non è tutto: successivamente il nostro obiettivo è di configurare a zero emissioni di CO2 l’intero ciclo di vita del veicolo, dalla produzione all’utilizzo fino al recupero dei modelli Audi. Già entro il 2025 la carbon footprint della flotta di veicoli dovrà ridursi del 30 percento rispetto al 2015 per l’intero ciclo di vita. Ci siamo posti degli obiettivi ambiziosi perché come Audi intendiamo dare e realizzare un contributo notevole per un mondo sostenibile.

I vostri clienti sono pronti per l’elettromobilità?

Chiaramente sì! La grande richiesta della nostra Audi e-tron dimostra che si tratta dell’auto giusta al momento giusto! E questo è solo l’inizio. Format di gare come la Formula E mostrano già oggi quante emozioni sia in grado di risvegliare il tema dell’elettromobilità. Con l’Audi e-tron GT, il prossimo anno porteremo pertanto alla griglia di partenza una macchina sportiva ad alta performance completamente elettrica. Inoltre, nei nostri modelli elettrici diamo la massima priorità all’ecosistema attorno all’auto, cioè all’infrastruttura di carico.

La Formula E muove le emozioni: il pilota Daniel Abt e Hildegard Wortmann a bordo pista all’E-Prix di New York City 2019.
La Formula E muove le emozioni: il pilota Daniel Abt e Hildegard Wortmann a bordo pista all’E-Prix di New York City 2019.

L’elettromobilità è il futuro. I clienti avranno poi ancora una scelta?

Diamo la priorità, in modo coerente, ai desideri dei nostri clienti. Moltissimi hanno una grande esigenza di mobilità sostenibile. Allo stesso tempo, ad esempio con i nostri modelli RS, soddisfiamo anche la richiesta di modelli sportivi ad alta performance. Inoltre la rapidità con cui l’elettromobilità si imporrà in modo capillare dipende da una moltitudine di fattori, come gli incentivi statali, l’infrastruttura di carico o il mix elettrico. In questo caso, la Norvegia è un vero e proprio pioniere in Europa, ma anche in Svizzera vediamo grande potenziale in questo settore.

Si ha l’impressione che negli ultimi anni le tendenze automobilistiche più importanti, come l’ibridizzazione e il downsizing dei motori, siano nate sotto una spinta regolatoria. Quanto è davvero innovativo il settore?

L’innovazione è la base del nostro business in tutti i settori di attività. Ma ciascuno di questi si sviluppa naturalmente in sinergia con i rispettivi temi e tendenze sociali, economici e tecnologici. Ciò vale anche per l’industria automobilistica, che è oggetto della massima attenzione in particolare a causa della sua importanza per i grandi mercati mondiali Europa, Cina e USA. Ma anche la concorrenza da parte dei produttori ha un ruolo importante come motore dell’innovazione per il nostro settore high-tech. Negli ultimi anni qui si sono messi in gioco nuovi attori molto interessanti.

Per quanto riguarda le auto, proprio la Cina punta su una politica di elettrificazione offensiva. È il mercato asiatico a determinare quali auto ci vengono proposte dai produttori tedeschi in Europa?

Il nostro motto è chiaro: in China, for China! Audi punta coerentemente su una localizzazione dell’offerta per l’importante mercato cinese. Pertanto, a Pechino vi è un proprio centro R&D, in cui degli ingegneri sviluppano equipaggiamenti in grado di soddisfare le esigenze dei nostri clienti cinesi. Sul posto abbiamo anche un proprio studio di design. Sicuramente impiegheremo nel mondo ciò che vi viene sviluppato e che offre un valore aggiunto anche ai nostri clienti in Europa o negli USA. Ma non è un automatismo: al centro dell’attenzione vi sono sempre le richieste dei nostri clienti.

Ora sta crescendo una generazione per cui un’auto non trasporta più valori come la libertà ma, nel peggiore dei casi, inquinamento. Audi è preparata alla gioventù climatica?

I giovani affrontano temi di elevata importanza sociale, apportando una nuova qualità alla discussione. Comprendo molto bene i loro timori e le loro preoccupazioni e ho grande rispetto per la loro risolutezza. Per questo porto avanti la nostra roadmap per l’elettrificazione con tanto impegno personale. Lo scambio diretto e regolare con giovani talenti e millennial mi aiuta a comprenderli e a rivolgermi a loro in modo ancora più mirato. Da Audi seguiamo coerentemente il percorso per affermarci come fornitore di mobilità sostenibile premium.

Le radici dell’auto sono nell’analogico, guidare significa sempre ancora emozione. Dovremo dire addio a questa esperienza?

Al contrario: in futuro offriremo ai nostri clienti esperienze ancora più ricche di sfaccettature grazie a nuovi tool digitali come functions on demand, con cui i clienti potranno adattare le loro auto alle proprie esigenze, ad esempio con un pacchetto d’illuminazione personalizzato. Oppure con offerte come Audi on demand, grazie a cui i clienti potranno scoprire diversi modelli in un periodo di loro scelta.

Quale Audi vorrebbe acquistare?

Fortunatamente non devo decidere, in quanto testo regolarmente tutti i nostri modelli. Come responsabile del reparto Vendite e Marketing, per me è molto importante conoscere esattamente l’intera gamma dei nostri prodotti. Intendiamo soddisfare le richieste e le esigenze di tutti i nostri clienti. Proprio in questa direzione orientiamo la nostra offerta, che pertanto va dalla maneggevole A1 per il traffico cittadino – sono davvero entusiasta della nostra nuova city carver A1 – all’Audi e-tron completamente elettrica, fino alle auto sportive ad alta performance come la nostra nuova RS 7 Sportback.

Che cosa ha ancora in serbo per Audi?

Insieme al nostro team altamente motivato voglio portare Audi a nuovi successi. Desidero ispirare, motivare, mettere in discussione in modo critico e aprire la strada al nuovo. Ne sono convinta: insieme riusciremo a emozionare i nostri clienti, offrendo loro la migliore esperienza possibile a livello di prodotto, di servizio e di marchio. Ogni giorno ho questo obiettivo davanti agli occhi.

e-tron News

Tecnica, società, mobilità: tenetevi aggiornati sui temi che muoveranno il nostro futuro.